Homepage
Cartografia
F.A.Q.
<'% If Session("blnIsUserGood") = False or IsNull(Session("blnIsUserGood")) = True then %>
 
<'% else %>
 
<'% end if %>

TIRRENO BRENNERO S.r.l. in liquidazione

P.Iva e CF 03092730153
Sede: Via Vittorio Veneto 28
c/o CCIAA La Spezia

Registro delle Imprese di La Spezia 03092730153
REA SP 110108
SocietÓ in liquidazione
Capitale sociale Euro 386.782,00 interamente versato


Privacy Policy

CORRIDOIO PLURIMODALE TIRRENO BRENNERO (TI.BRE.)

angolo inquadramento geologico

bulletTipologia
Nuova infrastruttura autostradale

bulletStazione appaltante
SOGGETTO AGGIUDICATORE: ANAS S.p.A.
CONCESSIONARIO: Autocamionale della Cisa S.p.A.

bulletCodice Unico di Progetto
G61B04000060008

bulletObiettivo
Realizzazione del Corridoio Plurimodale Tirreno Brennero – Raccordo autostradale Autostrada della Cisa A15 Autostrada del Brennero A22 Fontevivo (PR) Nogarole Rocca (VR)

 
 
 
DATI GENERALI
Descrizione  

Il progetto prevede la realizzazione di un corridoio autostradale da Fontevivo (PR) a Nogarole Rocca (VR) della lunghezza complessiva di circa km 85+000 comprensivi dell'adeguamento di un tratto ( km 2+350) dell'Autostrada A15 a sud dell'intersezione con l'Autostrada A1. Sono previste due carreggiate, ciascuna costituita da due corsie oltre a quella di emergenza, sette autostazioni (Parma Nord in Provincia di Parma, Casalasco Viadanese, Bozzolo in Provincia di Cremona, Gazoldo, Goito in Provincia di Mantova, Lago di Garda, Verona Ovest in Provincia di Verona), quattro aree di servizio (Po, Navarolo, Oglio, Mincio), due interconnessioni (Autostrada A1, Autostrada A22). Il raccordo autostradale in progetto interessa gli ambiti territoriali delle Regioni Emilia Romagna (Provincia di Parma) Lombardia (Province di Cremona e Mantova) e Veneto (Provincia di Verona) per complessivi km 85 circa (comprensivi di km 2+350 di riqualificazione dell'attuale tracciato a sud dell'interconnessione con l'autostrada A1) di cui km 17,5 circa in Emilia Romagna, km 52,0 circa in Lombardia e km 15,5 circa in Veneto.

Inquadramento geografico inquadramento geologico
Comuni interessati
Il tracciato di progetto interessa i seguenti Comuni:
Fontevivo (PR), Fontanellato (PR), Trecasali (PR), Parma (PR), Sissa (PR), Torricella del Pizzo (CR), Gussola (CR), San Giovanni in Croce (CR), Casteldidone (CR), Piadena (CR), Tornata (CR), Calvatone (CR), Bozzolo (MN), Acqunegra sul Chiese (MN), Redondesco (MN), Gazoldo degli Ippoliti (MN), Ceresara (MN), Rodigo (MN), Goito (MN), Volta Mantovana (MN), Marmirolo (MN), Valeggio sul Mincio (VR), Villafranca (VR), Mozzecane (VR), Povegliano Veronese (VR), Nogarole Rocca (VR), Vigasio (VR). Le infrastrutture connesse e gli interventi di compensazione ambientale, conseguenti alla delibera CIPE n░ 94 del 20 dicembre 2004 di approvazione del progetto preliminare, interessano sette ulteriori Comuni (Casalmaggiore (CR), Martignana Po (CR), Drizzona (CR), Marcaria (MN), Canneto sull'Oglio (MN), San Martino dell'Argine (MN), Gazzuolo (MN).
Infrastrutture interessate Le infrastrutture autostradali interessate sono Autostrada della Cisa A15, Autostrada A1, Autostrada del Brennero A22.
Interventi correlati
Unitamente all'opera principale sono previste alcune importanti opere connesse quali la variante S.P. 10 all'abitato di Viariolo (Provincia di Parma Comuni di Parma e Trecasali), il raccordo Autostazione Parma Nord e rotatoria S.P.10 (Provincia di Parma Comune di Trecasali), riqualifica ex SS343 tratto Autostazione Casalasco Viadanese S.P.87 e Variante Casalmaggiore Viadana lotti Lc2, Lc3, Lc4, Lc5 (Provincia di Cremona Comuni di Casalmaggiore, Martignana Po e San Giovanni in Croce), raccordo S.P.85 S.P.60 Autostazione Casalasco Viadanese ex SS343 e incrocio SP 85 - SP 8 (Provincia di Cremona Comuni di Gussola e San Giovanni in Croce), variante S.P. 31 all'abitato di Calvatone (Provincia di Cremona Comune di Calvatone), raccordo ex S.S. 10 - S.P. 65 - S.P.64 (Province di Cremona e Mantova, Comuni di Tornata Calvatone e Bozzolo), raccordo S.P.1 - S.P.17 Nord e raccordo S.P.1 - S.P.17 sud (Provincia di Mantova Comuni di Gazoldo degli Ippoliti, Ceresara e Rodigo), variante di Goito ex SS 236 Goitese (Provincia di Mantova Comuni di Goito e Volta Mantovana) , la variante alla S.R. 62 della Cisa tratto intersezione strada per Grezzano (S.P. 53) confine regionale (strada comunale Quistello) e rotatoria S.R, 62 in Mozzecane (Provincia di Verona Comune di Mozzecane). Il Progetto Definitivo contiene inoltre il Protocollo di Intesa inerente alcuni interventi di adeguamento della viabilitÓ locale nella Provincia di Parma sottoscritto in data 11 Luglio 2005. Sono inoltre previsti importanti interventi di mitigazione e compensazione ambientale, distribuiti lungo l'intero tracciato di progetto
   
SVILUPPO DEL PROGETTO
Stato di attuazione
Progettazione SDF PP PD PE
Affidamento lavori Opere in gara Opere con contratto
Esecuzione In corso
Concluse
Stadi di Avanzamento
1998:  
1999: In data 7 Dicembre la SocietÓ Autocamionale della Cisa Spa stipula una convenzione con l'ente concedente ANAS. Con Decreto Interministeriale 21 Dicembre, n.611/Segr. Dicoter la convenzione Ŕ approvata.
2000:  
2001: La Delibera CIPE 121/2001 include la voce "Asse autostradale Brennero - Verona - Parma - La Spezia" tra i sistemi stradali ed autostradali del corridoio plurimodale Tirreno - Brennero, con un costo di 1.032,914 Meuro, una disponibilitÓ di 516,457 Meuro e una previsione di spesa nel triennio di 98,130 Meuro. L'opera Ŕ riportata tra le infrastrutture di interesse delle Regioni Emilia Romagna, Lombardia e Veneto per le tratte di rispettiva competenza. Delibera CIPE n░ 121 del 21/12/2001 Legge 443 del 21/12/2001
2002: Luglio:
L'opera Ŕ individuata dal DPEF 2003-2006 tra gli interventi chiave.

Agosto:
Decreto Legislativo n. 190 del 20 Agosto 2002

Settembre:
La SocietÓ Autocamionale della Cisa Spa predispone il progetto preliminare e lo studio di impatto ambientale.
2003: 18 Marzo:
Approvazione Progetto Preliminare e Progetto Definitivo da parte della Concedente ANAS S.p.A.

21 Marzo:
Avvio procedura approvativa Progetto Preliminare

Aprile:
L'intervento Ŕ compreso nelle Intesa Generale Quadro tra Governo e Regione Lombardia in data 11 Aprile 2003, tra gli "Interventi infrastrutturali - corridoi autostradali e stradali" alla voce "V/03 - Collegamento autostradale Brennero - Verona - Parma - La Spezia.Preliminare e Progetto Definitivo da parte della Concedente ANAS S.p.A.

Giugno:
La Regione Lombardia, con Delibera n. VII/13323 del 13 Giugno esprime parere favorevole sul progetto, con prescrizioni di ordine tecnico e ambientale, nonché con prescrizioni in merito alla localizzazione dell’opera, tra cui una variante di tracciato interessante principalmente i Comuni di Tornata Calvatone e Bozzolo.La Regione Veneto, con nota prot. n. 6208 del 25 Giugno evidenzia la necessità, emersa dal confronto con gli Enti locali, di perseguire una soluzione progettuale che preveda una alternativa di tracciato tra i Comuni di Valeggio sul Mincio e Nogarole Rocca

28 Luglio:
Avvio procedura approvativa Progetto Preliminare Varianti Regione Lombardia e Veneto

Settembre:
La Regione Emilia Romagna esprime parere favorevole, con prescrizioni, con Delibera 1824 del 22 Settembre.

Ottobre:
La Regione Veneto  esprime parere favorevole con Delibera  3136 del 23 Ottobre.
L’intervento è inserito, nell’ Intesa Generale Quadro tra Governo e Regione Veneto in data 24 Ottobre 2003, tra le “infrastrutture di preminente interesse nazionale – corridoi plurimodali – viabilità” alla voce “Raccordo autostradale Cisa – Verona (Corridoio TI-BRE)”, comprendente il nuovo ponte sull’Adige in Comune di Dolcè (VR).La Regione Lombardia, con Delibera n. VII/14839 del 31 Ottobre esprime parere contrario in merito alla variante di tracciato proposta dalla Regione Veneto, proponendo che in sede di progetto definitivo sia elaborata una soluzione planimetrica che consenta di mantenere nel tratto lombardo l’originaria configurazione localizzativa

Dicembre:
L’intervento è compreso nelle Intesa Generale Quadro tra Governo e Regione Emilia Romagna, in data 19 Dicembre 2003, tra i corridoi autostradali e stradali alla voce “corridoio Tirreno Brennero – Asse autostradale Brennero – Verona - La Spezia (TI-BRE): tratta emiliana La Spezia – Parma - Verona”
2004: Marzo:
Con nota del 26 Marzo la Regione Lombardia chiarifica che il parere contrario espresso nella Delibera n. VII/14839 non è da intendersi in senso oppositivo al progetto in esame bensì quale osservazione propositiva riferita unicamente alla porzione del tracciato che interessa il territorio lombardo.

Maggio:
Il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio, sulla base della valutazione effettuata dalla speciale Commissione VIA in data 27 Maggio esprime parere favorevole con prescrizioni e raccomandazioni.

Luglio:
Il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, in data 21 Luglio si esprime favorevolmente con prescrizioni, tenendo conto delle osservazioni avanzate dalle Soprintendenze competenti.

Con nota n.462 del 22 Luglio il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti trasmette la relazione istruttoria sul progetto preliminare del “Raccordo autostradale della Cisa A15 – Autostrada del Brennero A22 Fontevivo (PR) – Nogarole Rocca (VR)”, proponendone l’approvazione, con raccomandazioni e prescrizioni.

Settembre:
Con la nota n.530 del 22 Settembre il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti trasmette la scheda prevista dalla Delibera 63/2003.

20 Dicembre:
Approvazione da parte del CIPE  (Delibera n° 94) del Progetto Preliminare e dello Studio di Impatto Ambientale. La Delibera CIPE 94/2004 del 20 Dicembre prende atto che il soggetto aggiudicatore è ANAS Spa e che la Società Autocamionale della Cisa Spa è concessionaria dell’Autostrada della Cisa A15 Parma - La Spezia, con prolungamento per Mantova (Nogarole Rocca) e che la stessa società intende affidare ad imprese controllate e collegate l’esecuzione delle opere previste, nei limiti del 60% stabiliti dalla normativa. Le gare saranno esperite a progetto definitivo approvato. L’importo complessivo dell’opera espresso nel progetto preliminare trasmesso in data 21 Marzo 2003 era di 1.530,081 Meuro; l’introduzione delle varianti richieste dalle Regioni Lombardia e Veneto porta il costo a 1.832,719 Meuro, al lordo del ribasso che si presume sia dell’ordine del 20%. La Autocamionale della Cisa Spa sosterrà parte della spesa in parziale autofinanziamento. Il CIPE quindi approva il progetto preliminare con prescrizioni e raccomandazioni e rinvia l’assegnazione del contributo alla fase di approvazione del progetto definitivo, fermo restando che la quota assegnata non potrà superare – salva compensazione – quella indicata nella  Delibera 121/2001.
2005: 19 Maggio:
Pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n° 155 della Delibera CIPE n° 94 del 20 Dicembre 2004  di approvazione del Progetto Preliminare.

Luglio:
Il MIT nell’ultimo elenco delle “opere approvate dal CIPE dal 31/10/2002 al 27/05/2005” indica un costo dell’opera pari a 1.550,000 Meuro, ottenuto ipotizzando un ribasso del 20% sul costo complessivo indicato dal CIPE pari a 1.832,720 Meuro. Inoltre, indica una disponibilità pari al 59% del costo dell’opera a carico della concessionaria.

8 Luglio:
Trasmissione Progetto Definitivo alla Concedente ANAS S.p.A.

29 Luglio:
Validazione tecnica del Progetto Definitivo da parte di ANAS S.p.A.

2,3,4 Agosto:
Trasmissione Progetto Definitivo a tutte le Amministrazioni ed Enti interessati.

9 Agosto:
Pubblicazione sui quotidiani dell’avviso di avvio del procedimento di dichiarazione di pubblica utilità.

22 Settembre:
Pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del Decreto Legislativo n° 189 del 17 Agosto 2005.

5 Ottobre:
Apertura da parte del Ministero delle Infrastrutture della Conferenza dei Servizi.
2006: 20 Febbraio
Il CdA dell’ANAS S.p.A. ha approvato il Piano Finanziario Autocamionale della Cisa S.p.A. versione 17 Febbraio 2006 (Scadenza al 2056 con subentro al 2044).

1 Marzo:
Sottoscrizione del 1° Atto Aggiuntivo alla vigente Convenzione tra Autocamionale della Cisa S.p.A. ed ANAS S.p.A.

Luglio:
Il DPEF  2007 – 2011 ed in particolare l’Allegato Infrastrutture – Opere Legge Obiettivo –riporta il Raccordo Autostradale CISA Fontevivo (PR) – Autostrada Brennero Nogarole Rocca (VR), nel comparto  opere approvate dal CIPE dal 31/10/2002 al 09/05/2006  - altre opere - (All. 4),  nel comparto  opere approvate dal CIPE dal 31/10/2002 al 09/05/2006 (All. 5), e nel comparto opere a rete direttamente connesse alle possibili opere prioritarie sui nodi (All 8) indicando un costo dell’opera di 1832,00 milioni di euro in completo autofinanziamento,  il progetto definitivo ed il piano finanziario approvati , ed il progetto  esecutivo come fase progettuale in corso.

9 Maggio:
Il CIPE (Delibera n° 131) ha deliberato l’accertamento della rilevanza degli investimenti di Autocamionale della Cisa S.p.A. inerenti il prolungamento per Nogarole Rocca (VR) (Costo 1.826.470 migliaia di Euro più oneri da capitalizzare).

9 maggio:
Il CIPE ha approvato con prescrizioni il Progetto Definitivo del Raccordo Autostradale Fontevivo (PR) Nogarole Rocca (VR) il cui costo è a totale carico della Concessionaria Autocamionale della Cisa S.p.A.

27 Giugno:
Pubblicazione sulla gazzetta Ufficiale n. 147 della Delibera CIPE n° 131 del 9 Maggio 2006.

Ottobre:
Il Consiglio d’Amministrazione dell’Autocamionale della Cisa ha dato via libera alla riformulazione del progetto secondo le indicazioni del Ministero delle Infrastrutture. La realizzazione del progetto prevista non più nella sua interezza, bensì in due stralci. Il primo riguarda la tratta Fontevivo-Bozzolo, i cui lavori parti-ranno dopo l’approvazione del piano finanziario da parte del Cipe. Nel 2009 è prevista una verifica dello stato di avanzamento del Tibre e della Mantova-Cremona e conseguentemente definito il collegamento con l’A22.

2007: L'8 maggio 2007 ANAS e Autocamionale della Cisa hanno siglato il nuovo schema di convenzione, approvato dal CIPE il 15 giugno 2007, rideterminando la scadenza della concessione al 2031. L'8/10/2007 la convenzione è stata registrata dalla Corte dei Conti e il 29/10/2007 pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 219/2007
Affidamento lavori
Data bando  
Forma contrattuale  
Procedura di gara  
Criterio di aggiudicazione  
Importo complessivo  
Tempi di esecuzione  
Data aggiudicazione  
Aggiudicatario  
Prezzo offerto  
Ribasso/Rialzo  
Ultimazione lavori Previsione: 2014
   
DATI ECONOMICI (Milioni di euro)
Costo al 21 Dicembre 2001:

1.032,914 - Fonte: Del. CIPE 121 del 21.12.2001

1.832 - Fonte: Piano Finanziario versione 17/02/06

Note: Il MIT nell’ultimo elenco delle “opere approvate dal CIPE dal 31/10/2002 al 27/05/2005” indica un costo dell’opera pari a 1.550 Meuro ottenuto ipotizzando un ribasso del 20% sul costo complessivo indicato dal CIPE.
Quadro Finanziario

Si riporta di seguito l’avanzameto contabile complessivo delle opere ai punti 1), 2) e 3) (Importi in milioni €)

Finanziamenti previsti:  
Di cui (importi e provenienza)  
Finanziamenti stanziati: 516,457€ Fonte: Del. CIPE 121 del 21.12.2001
Di cui (importi e provenienza)  
Finanziamenti erogati Fonte:
Di cui (importi e provenienza)  

Note: L’infrastruttura sarà realizzata in completo autofinanziamento della Concessionaria Autocamionale della Cisa S.p.A.

Il MIT nell’ultimo elenco delle “opere approvate dal CIPE dal 31/10/2002 al 27/05/2005” indica una disponibilità pari al 59% del costo dell’opera a carico della concessionaria
Normativa e documentazione di riferimento

Convenzione ANAS Spa/ Società Autocamionale della Cisa Spa 7 Dicembre 1999
Decreto interministeriale n.611/Segr. Dicoter /1999
Legge n°  443 del 21 dicembre 2001
Delibera CIPE n° 121 del 21 Dicembre 2001
DPEF 2003-2006 – Luglio 2002
Legge 1 Agosto 2002, n.166
D.Lgs. 20 Agosto 2002, n.190
Nota Autocamionale CISA Spa del 21 Marzo 2003
Intesa Generale Quadro Governo/Regione Lombardia (11 Aprile 2003)
Regione Lombardia, con Delibera n. VII/13323/2003 del 13 Giugno 2003
Regione Veneto nota prot. n.6208/2003 del 25 Giugno 2003
Nota Autocamionale CISA Spa del 28 Luglio 2003
Delibera Regione Emilia Romagna n.1824 del 22 Settembre 2003
Regione Veneto Delibera n.3136/2003 del 23 Ottobre 2003
Intesa Generale Quadro Governo/Regione Veneto (24 Ottobre 2003)
Regione Lombardia Delibera n. VII/14839/2003 del 31 Ottobre 2003
Regione Lombardia Delibera n. VII/14839/2003
Intesa Generale Quadro Governo/Regione Emilia Romagna (19 Dicembre 2003)
Nota Regione Lombardia del 26 Marzo 2004
Nota Ministero Ambiente e Tutela del Territorio del 27 Maggio 2004
Nota Ministero Beni e Attività Culturali del 21 Luglio 2004
Nota n. 462 del 22 Luglio 2004 Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.
Nota n. 530 del 22 Settembre 2004 Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti
Nota n. COM/3001/1 del 5 Novembre 2004 Comitato di coordinamento per l’alta sorveglianza
Delibera CIPE 94 del 20 Dicembre 2004
MIT - Elenco opere approvate dal CIPE dal 21/10/2002 al 27/5/2005
Delibera CIPE n° 94 del 20 Dicembre 2004 - Gazzetta Ufficiale n° 155  19 Maggio 2005
Relazione della Corte dei Conti sullo stato di attuazione della Legge - Obiettivo (Marzo 2005)
Delibera CIPE  n° 130 del 6 Aprile 2006
DPEF 2007 – 2011 -  Allegato Infrastrutture – Opere Legge Obiettivo
Delibera CIPE n° 131 del 9 Maggio 2006 – Gazzetta Ufficiale n° 147 del 27 Giugno 2006

D.Lgs. n° 190 del 20 Agosto 2002 e D.Lgs. n° 189 del 17 Agosto 2005 come sostituiti dal D.Lgs. n° 163 del 12 Aprile
Allegati
Tibre Mappe (File powerpoint - 3 Mbyte)
Torna indietro